Rassegna Stampa 9 marzo 2020

0
137

In questi giorni stiamo sperimentando la grande fragilità umana e, insieme, del nostro modello economico che ancora, di fronte ad un’emergenza come quella che stiamo vivendo, ci vede agire con logiche concorrenziali e competitive.

Approfittiamo dell’articolo firmato da Carlo Petrini per unirci alla sua riflessione: “Questo è il tempo della solidarietà e non più della competizione, è il momento di ritrovare la forza per emergere non con la disperazione del tutti contro tutti ma con un ritrovato slancio solidale e con la ricostruzione di un senso di comunità che per troppo tempo abbiamo trascurato. Per rispondere  a questa  emergenza possiamo ridare rilevanza all’economia locale senza scadere in sovranismi fuori dal tempo e dalla logica. […] Ci aspetta una stagione ricca di ostacoli e di incognite, ma possiamo giocarci la partita con consapevolezza e determinazione: solidarietà, comunità e cooperazione sono le chiavi per ripartire”.

Di seguito gli articoli scaricabili:

Basta con le città, tutti in campagna

Basta show cooking, elogio delle cucine dove si cucina

Cambia il clima e le cavallette si mangiano il corno d’africa

Etichette, agricoltori francesi con l’Italia

Foreste e città_una nuova alleanza per saper affrontare l’imprevedibile

Gli avanzi_un tesoro

Glifosato, Italia in ritardo

L’inquinamento va messo in quarantena

La cowgirl siciliana

La crisi mostra la fragilità del liberismo

La Dop economy vale 16,2 miliardi

Lariformadeireatiagroalimentari

Piùseiconcentrato più alberi crescono

Quando la civiltà è contadina

Le donne del cibo_

GLI EFFETTI DRAMMATICI DI UN’ALIMENTAZIONE SBAGLIATA_