Rassegna Stampa RuralHack n.70

0
490

La Giornata Mondiale dell’Ambiente

Oggi nel mondo si celebra l’ambiente il tema che, prima del Covid-19, ha riempito i nostri giornali e ha attirando l’attenzione di tutti, dato che ormai è evidente come l’intervento dell’uomo abbia determinato quel cambiamento climatico che incide pesantemente sul suolo, sulla biodiversità e sulla vita di milioni di persone.

Altro che flagello delle cavallette! Tutto il nostro sistema di produzione e consumo (che implica l’uso, lo sfruttamento, la distruzione e la mutazione di molte risorse ambientali) ha effetti tanto pesanti che si riconosce, da parte di molti scienziati, il passaggio ad una nuova era geologica chiamata Antropocene -l’era dell’uomo- per via dell’impronta dell’essere umano sull’ecosistema globale. Altri la definiscono Capitalocene, considerando il capitalismo come un regime ecologico che si fonda sulla subordinazione della natura alle necessità della produzione e accumulazione di ricchezza.

La rapida crescita della produttività agricola dagli anni ‘60 ha sostenuto lo sviluppo dell’attuale sistema alimentare globale che è uno dei principali motori del cambiamento climatico ed è sempre più vulnerabile ad esso (dalle attività di produzione, trasporto e mercato). E le previsioni non sono lusinghiere: si stima, infatti, che la popolazione globale crescerà da 7 miliardi nel 2010 a 9,8 miliardi previsti nel 2050; questo significa che la domanda complessiva di cibo è destinata ad aumentare di oltre il 50 percento e la domanda di alimenti di origine animale di quasi il 70 percento. Ciò comporterebbe aumenti significativi delle emissioni di gas a effetto serra e altri impatti ambientali, inclusa la perdita di biodiversità.

Dall’altra parte, i cambiamenti climatici hanno ripercussioni dirette sui sistemi alimentari e sulla sicurezza alimentare.

Wake Up! È tempo di cambiare paradigma: non abbiamo un Pianeta B.

 

Lo staff di RuralHack

Scarica la rassegna stampa n.70

SHARE
Previous articleRassegna Stampa RuralHack n.69
Next articleRassegna Stampa RuralHack n.71
Esperta di comunicazione ed etnografia digitale. Mi occupo di formazione e facilitazione nell'ambito della trasformazione digitale e innovazione sociale. Amo la musica, l'arte e il cibo. p.caliento@ruralhack.org