la battaglia del marchio bio